7 soluzioni super splendenti contro l’allergia ai gioielli!

Finalmenteeeee!!!

Tu non sai da quanto volevo fare questo post. Avrei voluto la consulenza di un allergologo e di un dermatologo ma nessuno ha risposto al mio appello, quindi mi baserò sul materiale che ho trovato on line.

Ti ricordi il post sui metalli? L’ho fatto partendo proprio dalla curiosità di capire cosa provoca l’allergia ai gioielli. Infatti molte persone danno per scontate di essere allergiche al nichel, ma forse non è così. Altre dicono di non sapere a cosa sono allergiche perchè anche le leghe senza nichel gli provocano reazioni allergiche, salvo poi scoprire che quei materiali non sono privi di nichel, come ad esempio l’acciaio chirurgico.

Purtroppo quando si parla di allergie ai metalli non sempre il nichel è l’unico incriminato, a volte dipende da quale lega va ad integrare, da come è stata lavorata e se ci sono altri metalli potenzialmente allergizzanti. Oltretutto spesso i test allergici non sono risolutivi.

L’unica certezza è che una volta allergici lo si rimane per sempre. Esistono delle terapie che alleviano o fanno sparire i sintomi temporaneamente ma non curano l’allergia. L’unica opzione è ridurre al minimo l’esposizione all’elemento allergizzante.

Questa collana mi sta uccidendo!!!!

L’allergia è (detta in maniera estremamente semplificata) una reazione esagerata del nostro sistema immunitario a degli elementi riconosciuti dallo stesso come dannosi per il nostro corpo, ma che in realtà non lo sono. Per quanto riguarda la gioielleria, il più incriminato è il nichel, un metallo usato per la sue resistenza e malleabilità, quindi utile a lavorare metalli più teneri come oro e argento. Purtroppo si può essere allergici ad altri metalli. Le persone che hanno una sensibilità al palladio, cobalto o cromo possono anche essere allergiche al nichel. EVVIVAAAA!!!

Se si dispone di allergia al nichel, la reazione allergica (dermatite da contatto) inizia di solito entro 12 o 48 ore dopo l’esposizione. La reazione può persistere per tutto il tempo da due a quattro settimane. Le caratteristiche della dermatite da contatto di solito appaiono solo quando la pelle entra in contatto con il nichel, ma possono comparire in altre parti del corpo. Sintomi di allergia al nichel sono:

  • Rash cutaneo

  • Prurito

  • Arrossamenti o cambiamenti di colore della pelle

  • Chiazze di pelle secca che sembrano ustioni

  • Vesciche e liquido drenante nei casi più gravi

  • La sudorazione nel punto di contatto con il nichel può peggiorare i sintomi. (fonte Informazioni mediche)

Un articolo davvero utilissimo lo trovi qui, ti spiega non solo le cause dell’allergia, ma ti parla nel dettaglio delle leghe metalliche migliori da usare, a cosa fare attenzione quando si acquista un gioiello (ad esempio che abbia le viti e i gancetti giusti), la regolamentazione europea in materia e tanto altro.

se l’allergia ce l’hai, te la devi tenere

Ma, fatto salvo che se l’allergia ce l’hai, te la devi tenere, sii felice se ne risenti più a livello epidermico che alimentare, perchè in tal caso dovresti affrontare una dieta molto drastica visto che il nichel è presente, tra l’altro, nei pomodori, nel cioccolato e in tante altre cose buonissime.

Dando per scontato che in questi casi la cosa migliore è rivolgersi ad un bravo medico vediamo quali opzioni hai per affrontare la questione “che gioielli mi metto?”.

  1. ASTINENZA: La più ovvia è eliminare dalla pelle tutto quello che può darti allergia. Nel caso del nichel e dei metalli la risposta va da se, fibbie, bottoni automatici, chiusure lampo, bracciali, collane, orecchini, anelli, occhiali  in metallo ecc…
  2. BARRIERA: Fare in modo che il metallo non arrivi a contatto con la pelle, o mettendo del tessuto a copertura (ad esempio per bottoni e zip sugli abiti).
  3. PROTEZIONE: Con una patina protettiva. C’è chi usa lo smalto per le unghie (salvo poi non contenga esso stesso nichel o altre sostanze irritanti) e chi acquista dei prodotti specifici come questo e questo nel video.

  

 4. PROTEZIONE ORECCHINI: Nel caso degli orecchini,puoi proteggere la pelle con dei protettori di silicone come questi 

  5. NICHEL FREE & CO.: Usare materiali privi dell’elemento che causa l’allergia, quindi prima bisogna capire a cosa si è allergici, dopo si può leggere il post sui metalli. Se non vuoi rinunciare agli orecchini di bigiotteria una opzione è sostituire il gancetto con uno che non ti provoca reazione allergica.

  6. METAL FREE: Usare gioielli senza parti metalliche. Per gli orecchini è più difficile (vatti a leggere il mio post dedicato, con gli orecchini adesivi)  ma per bracciali e collane c’è molta scelta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

   7. BUONE ABITUDINI: Cambiare spesso i gioielli, non indossarli quando non è necessario (tipo per dormireeeeee!!!!) tenerli puliti e disinfettarli quando serve. Questa pratica è valida per tutti anche se non si è allergici.

Una regola generale poi è quella di areare le parti a contatto con la pelle, infatti soprattutto in alcuni periodi dell’anno, come quello più caldo, il sudore contribuisce a creare irritazioni, a prescindere dall’essere allergici o meno.

lascia respirare la pelle

Quindi, lascia respirare la pelle evitando di indossare i gioielli quando non sono necessari, (in casa nelle mansioni quotidiane, in piscina e al mare, sotto la doccia e in tutte quelle situazioni in cui l’umidità può generare reazioni di ossidazione del metallo, che libera sali che poi la pelle assorbe attraverso il sudore e i pori) e non tenendoli troppo stretti per lungo tempo (orecchini a clips e a perno per troppe ore, collanine e bracciali stretti).  Questo tra l’altro farà bene anche ai tuoi gioielli che non perderanno il loro splendore.

Ora per concludere ti racconto un paio di episodi particolari su questo argomento: 

  1. Una signora che conosco, molto giovanile lavorava nel bar dove andavo tutti in giorni in estate. Prese un paio di orecchini da me, erano col gancetto a monachella in argento 925. Pendenti con pietre naturali, leggeri, molto pratici per lei che lavorava al banco tutto il giorno. Dopo un paio di giorni mi fa vedere che indossava un solo orecchino, mentre l’altro lobo era arrossato e gonfio. Mistero dei misteri due orecchini identici da un lato le avevano provocato una reazione abbastanza forte e dall’altro assolutamente nulla. Non ci siamo mai spiegate come mai!

  2. Una signora un giorno ad un mercatino guardava il mio banco di gioielli, chiacchierando mi disse sconsolata che non poteva indossare niente, nemmeno l’orologio di platino che il marito le aveva regalato. Tutti i metalli le causavano allergia.

  3. Una mia amica ha un paio di piccoli orecchini a cerchietto d’oro. Li usa per indossare tutti gli altri orecchini che le provocano allergia. In pratica infila il pendente degli altri orecchini nel cerchietto d’oro ed è fatta! 

Bene dopo questi aneddoti sono curiosa di sapere da te se come me sei una fortunata che non ha problemi ad indossare qualsiasi tipo di gioiello, o se invece sei tra quelle che devono stare molto attente e se vuoi condividi la tua esperienza qui. Per me sarà utile per migliorare il mio lavoro e sono certa che troverai altre con il tuo stesso problema!

 

Annunci

2 pensieri su “7 soluzioni super splendenti contro l’allergia ai gioielli!

  1. elena ha detto:

    Buongiorno! Le protezioni per orecchini in silicone dove si acquistano? Purtroppo la mia bambina é risultata allergica a nichel, rame, stagno e persino all’oro… Grazie pet l’aiuto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.